Altri libri

domenica 17 settembre 2017

Mummie di Nazca - datazione 249 al 411 dC




Le analisi del DNA confermano che i corpi 
“non sono di origine Umana”



Il test del DNA effettuati su una Mummia scoperta a Nazca, ha rivelato che è una specie diversa da qualsiasi cosa che sia stata trovata finora. Nel giugno 2017 una mummia è stata trovata a Nazca in Perù e ha mostrato di essere una specie che non è mai stata vista prima. Ora nuovi corpi sono stati rivelati e sono altrettanto interessanti.

Ora il sito web Gaia.com ha rivelato informazioni, insieme a filmati inediti, sulla ricerca del materiale biologico e sulle analisi radiografiche effettuate su alcuni corpi mummificati. I corpi sono umanoidi ma hanno solo tre dita nelle mani e nei piedi, hanno un teschio molto diverso rispetto a quello degli esseri umani moderni e di quelli che erano sulla Terra prima.

Ci sono molti scienziati coinvolti nel progetto e tra questi è il dottor Konstantin Korotkov, professore di informatica e biofisica presso l’Università Federale delle Tecnologie Informatiche di San Pietroburgo, Meccanica e Ottica. Korotkov ha affermato di essere in missione in Perù per una ricerca molto importante e che era andato in Perù per unirsi al gruppo di scienziati e professionisti che stanno effettuando analisi sui corpi mummificati. Ha continuato a dire che quando avevano preso il corpo prelevandolo dalla scatola dove era stato messo provvisoriamente, era rimasto stupefatto.

L’esame iniziale del corpo suggerisce di aver trovato una specie diversa da qualsiasi cosa mai trovata finora nei registri dei reperti fossili. Gli scienziati definiscono la mummia Maria e il DNA che il corpo fosse femmina. C’erano altri corpi accanto alla mummia Maria e si pensa che potrebbero essere il suo coniuge e i figli. Si è detto che i corpi sono corpi biologici con alcuni degli organi interni ancora intatti. Altri test sono stati fatti sui corpi ed è stato rivelato che uno degli aspetti più strani dei corpi, le dita delle mani e dei piedi, non erano falsi e qualsiasi possibilità di truffa era esclusa, infatti ora sappiamo che è cosi. I ricercatori hanno affermato che tutti avevano la stessa composizione chimica insieme allo stesso DNA.

 I campioni che sono stati prelevati dalle dita di Maria hanno risposto alla datazione del suo corpo e questo si pensa che appartenga all’incirca tra il 249 al 411 dC. La datazione del carbonio 14 insieme ad un’analisi della struttura del corpo è stata fatta e le scansioni di TAC e RMN, oltre ai raggi X hanno mostrato che il corpo era in realtà reale. Il dottor Korotkov ha affermato che l’analisi del DNA aveva rivelato che il corpo non era quello di uno scimpanzé, ma non era di tipo umano. Korotkov ha dichiarato che gli scienziati sanno che esistono tre tipi di genomi umani, ovvero “Neandertal”, “Cro-Magnon” e “Denisovani”. Ora gli scienziati devono completare un’analisi più dettagliata e complessa e dovranno creare una biblioteca di geni in modo da poterlo confrontare con un database di soggetti umani.

Al momento gli scienziati stanno effettuando le analisi sugli altri corpi che sono stati trovati e per valutare se sono anche reali, e non c’è ragione per cui non dovrebbero esserlo, gli scienziati avranno sei corpi in totale da analizzare. Si dice che la conservazione dei corpi sia incredibile. Si diceva che gli scienziati potrebbero dimostrare che il cranio dai corpi ha una cavità cranica molto simile a quella dell’uomo; tuttavia, ci sono forti differenze da quelle Umane. Come dice infine il dottor Korotkov: “le Mummie non sono di origine Umana”. Korotkov presenterà in anteprima mondiale le analisi delle Mummie in un convegno che si terrà a Roma il 1 ottobre 2017.